29ma Edizione Giro della Toscana: il successo continua

29ma Edizione Giro della Toscana: il successo continua

La è una regione che, grazie alla sua storia e alla sua forte unità culturale e linguistica, è una delle regioni italiane con la più antica e definita identità. Il nome è antichissimo e deriva dall’etnonimo usato da Greci e Latini per definire la terra abitata dagli Etruschi: “Etruria”, trasformata poi in “Tuscia” e poi in “”. La regione è meta ambita per il nazionale ed internazionale, per varie motivazioni: dalla storia all’arte, dalla cultura al . Il visitatore rimane entusiasta del paesaggio, del cibo ed il vino.

Negli ultimi decenni il cicloturistico-amatoriale ha subìto notevoli trasformazioni, partendo dai semplici raduni, con lo scopo di ritrovarsi la domenica mattina nei mesi che andavano da marzo a settembre, passando dalle granfondo con chilometraggi elevati ed agonismo esasperato, per arrivare ad oggi con gare di ogni genere per dodici mesi l’anno.

Il della Toscana ha anticipato molte delle esistenti in Toscana e, possiamo dire con una punta d’orgoglio, anche nel resto d’Italia.

Possiamo dire che abbiamo saputo individuare il connubio perfetto fra agonistico a quello puramente amatoriale, con un ottimo risultato che, ad ogni edizione, si evince dalla numerosa partecipazione.

Immagine 32

La location, individuata nel 2009, quale l’Area Feste del Viale Tanini al , zona che non dà problemi di viabilità, con grande possibilità di parcheggio per auto e camper, ha anche un bel viale per l’arrivo e la partenza della ciclistica senza incorrere in problematiche di traffico e intralcio ai residenti.

La 29ma Edizione di quest’anno, svoltasi il 13 Settembre, a parte la pioggia che, comunque non ha fatto desistere i partecipanti, anzi rendendola ancor più avventurosa ed entusiasmante, ha avuto quasi 1000 iscritti, con 950 partenti di cui nel lungo 149, nel medio 602 e nel corto 67.

29ma_ed_giro_toscana_2015_arrivo_galluzzo

I percorsi erano invariati, ma pur sempre molto belli, anche se conosciuti da chi, in Toscana, transita in quelle zone.

Per il resto dei partecipanti, di provenienza extra regione, sono sicuramente degli itinerari da vera cartolina, anche se vissuti durante una gara, i cui ritmi sono più agonistici che turistici.

girocicloturistico_dellatoscana_altimetrie2015

Le location dei ristori , ormai consolidati in punti specifici degli itinerari, hanno visto transitare i partecipanti molto entusiasti.

Il tappone che si forma, in modo inevitabile, è quello al Panzano, tant’é che quest’anno gli organizzatori hanno deciso di spostare il controllo a timbro verso Castellina in Chianti.

29mo_gcdt_2015_controllo_ristoro_idrico

Probabilmente il ristoro meno visitato è quello che si trova sul percorso del lungo, ma ugualmente importante per chi, dopo svariati km, ad un ritmo spesso serrato, necessita di rifornimento idrico e solido!

La novità che quest’anno ha entusiasmato i primi 500 fortunati è stato un omaggio consistente in un zainetto con la serigrafia dell’evento, realizzato dall’Universosport. Qui sotto la foto.

zainetto_sponsor_universosport_girotoscanait

Per gli amanti delle cifre, è da segnalare che, dopo i 546 partenti del 2008, ce ne sono stati 726 nel 2009, 1086 nel 2010, mentre nel 2011 erano 890.

Nel 2012 il boom di partenti: 1297.

Ogni anno i partecipanti, come si riscontra, sono quasi sempre sui mille.

premi_29mo_giro_toscana_2015

La premiazione è avvenuta al coperto, all’interno del pasta party (al Galluzzo – Area Feste), ove erano presenti varie autorità locali, fra i quali, secondo quanto riferitoci, ASSESSORE ALLO SPORT SIG. VANNUCCI ANDREA, PRESIDENTE COMITATO LEGA CICLISMO UISP SIG. ORLANDO MATERASSI, PRESIDENTE QUARTIERE 3 ALFREDO ESPOSITO, ASSESSORE ALLA CULTURA DEL QUARTIERE 3 PRESIDENTE CENTRO SPORTIVO GALLUZZO SIG. FRANCO ANGELOZZI.

Il primo classificato era il che ha ceduto il premio alla Poccianti. I secondi Classificati Mugello Bike. Il Trofeo Bellatti consegnato alla squadra UC Casellese di Lodi.

Alla prossima edizione che sarà la trentesima…nel 2016!

Nota – per le foto si ringrazia Alessandro Taddei e Sergio Breschi, entrambi atleti del team Bicisport – Firenze e Daniele Matteini (fotografo evento).

Nota2 –

ginocchio_destro

Quest’anno all’evento non era presente l’addetto stampa, per problemi al ginocchio destro (vedasi foto di documentazione). Ovviamente il Presidente, Gianni Bartoli, era a conoscenza della situazione.