Giro della Toscana 7-9-2014, Un ringraziamento ai fotografi e ufficio stampa

Giro della Toscana 7-9-2014, Un ringraziamento ai fotografi e ufficio stampa

logogirotoscana2014

Al Giro della insieme alla “manovalanza” logistica e tecnica cioè coloro che, per ben due giorni, intensamente e volontariamente collaborano alla riuscita dell’evento, dirigenza compresa, ci sono i fotografi e l’ufficio stampa. Menzioniamoli anche loro, perché il nostro lavoro di creazione e organizzazione dell’evento ha poi visibilità. Iniziamo dai fotografi…una professione che oggi, con lo smartphone, è un terno all’otto o quasi: siamo diventati quasi tutti bravi, ma la digitale, quella vera, cioé la macchina fotografica rimarrà sempre se pur tecnologicamente differente rispetto ad anni addietro. Al c’è chi svolge questo compito volontariamente, per diletto, come Alessandro Taddei e Lucrezia Gallerini; poi c’è chi svolge questo mestiere come pane quotidiano, quindi lo fa per lavoro. Parliamo di Daniele Matteini e Andrea Falorsi.

Il , un lavoro faticoso, spesso malpagato, salvo quei casi in cui la ruota della fortuna gira nel verso giusto ed inizi a fare soldi.

E poi…dopo lo scatto c’è  la corsa a sistemare le nel cd, scartare quelle che necessitano di ritocco…per non buttare nulla, perché ogni è sacrificio…tempo impiegato…non puoi dire a chi ti telefona, non ho la tua …l’ho buttata, non mi piaceva…perché, anche se tu sei padrone della tua , hai cancellato quel momento di fatica tuo, ma anche l’emozione di chi hai fotografato.

Non ci sono foto brutte, perché come un quadro bianco con un punto nero al centro, può dare emozioni od il nulla a chi lo osserva. Chi sa apprezzare l’immagine si tiene il ricordo di quel momento, anche se per te fotografo è una immagine brutta…schiarita, sfocata…

Questo fa il fotografo: donare agli altri con le sue immagini le emozioni da rivivere e condividere.

I fotografi al giro della toscana: gentilissimi, cortesi, disponibili. Sono loro che troviamo il sabato durante il prequel, cioè la creazione dell’evento compreso il collaterale del Vigilandia; sono sempre loro presenti alle luci dell’alba del giorno di Domenica, alla partenza e poi lì ancora all’arrivo al Galluzzo, sulla salita del Chiocchio eo nelle brutte curve cieche delle Gore, o alla fattoria Il Corno in mezzo alla strada…sempre con il sorriso, la felicità, se pur si vede la stanchezza nei loro occhi.

I fotografi…Si muovono nei punti scelti per catturare il momento emozionante: il passaggio su una salita, in un tornante, con sfondi paesaggistici ed i colori della campagna Toscana. L’attimo è l’emozione che trasmettono in quello scatto…un momento particolare di un tempo che passerà, ma rimarrà impresso sulla foto!

Insieme a loro, se pur distaccati, ci sono gli invisibili, così definiti i dell’ufficio stampa. Al Sabato, un reporter gira in mezzo a chi lavora, e chi lo osserva non sempre comprende il perché di quella presenza…lo guarda come un ‘extraterrestre’ e nella sua mente passano delle perplessità, dubbi, domande. “Ma cosa fa questo ? Perché non prende le bocce e le trasporta ? Perché non sale su una scala e lega la corda dello striscione ?”.

Cosa dire poi della Cucina? E’ il regno del Capo Cuoco con i suoi collaboratori: OFF LIMIT!

Entrare ai non addetti è vietato, eppure il fotografo e l’addetto stampa entrano fugacemente.

La Cucina. Odori e sapori si confondono. Eh già anche qui…bello mettersi a tavola e mangiare, ma quanta fatica dietro ai fornelli: pelare, affettare, sistemare, controllare, assaggiare…dare ordini…

Scriveremo anche su di loro…sulla cucina: una zona del campo di battaglia del dietro le quinte 😉

Ad ognuno il suo compito, di fatica o di intelletto  tutti sono utili per la realizzazione dell’evento. Quindi l’ufficio stampa ha il suo bel compito ad iniziare dal osservare, domandare, informarsi e poi scrivere dei testi, poi telefonare ai giornalisti, cercare di convincere i colleghi nel pubblicare la notizia o il comunicato con la/le foto allegate.

Facile direbbe qualcuno, cosa vuoi che sia scrivere due righe…e poi prendere una lista e spedire. Si certo, chiunque può fare un testo e poi inviarlo, ma non è così.

Il lavoro di giornalista e della comunicazione, svolto all’interno di un ufficio stampa deve seguire delle modalità e tempi ben precisi, con delle responsabilità anche durante l’arco dell’anno.

Ad esempio, quanti di noi sanno entro il quale il direttore con i redattori decidono le notizie da stampare su un quotidiano ? Bha, gli telefoni e lo sai. Perfetto. Sei certo che la tua notizia verrà pubblicata ? Oppure il fatto che, sempre un quotidiano, ha un tempo massimo entro il quale può bloccare la stampa se c’è uno scoop importante ?

Al posto della carta si ha il digitale, ma dietro c’è sempre una redazione con un direttore, quindi non è detto che quanto gli viene spedito poi esce sulla testata. Cosa dire poi delle tv e radio ? Tempi differenti ed anche costi, si perché sembrerà assurdo, ma non tutte le testate toscane ricevono contributi dalla legge dell’ quindi sostegni economici. Gli rimane la pubblicità. Questo vuol dire che se durante l’anno non investi nulla su quella testata, nel momento in cui gli viene spedito il comunicato stampa, il direttore può decidere di non pubblicare nulla, neanche la notizia.

Ed ecco che, in questi casi, l’ufficio stampa con i suoi rapporti intessuti durante l’arco dell’anno fa capire che non siamo il Giro D’Italia con i suoi voluminosi budget economici, quindi riesce a far pubblicare il comunicato che, ricordiamolo sempre, è un testo pubblicitario a tutti gli effetti. Poi ci sono gli “gnorri” dentro le testate , definiti così dagli uffici stampa, senza entrare nel merito della questione…

La rassegna stampa on line è quindi un atto dovuto a tutti i colleghi che, cortesemente, rendono visibile la manifestazione sportiva. Tutto questo lavoro giornalistico e di pubbliche relazioni, da quest’anno viene svolto dalla Agenzia stampa .it, cioè da uno staff di che si dividono i vari compiti, dallo scrivere al reportage foto e video.

Ad ognuno il suo compito, di fatica o di intelletto: tutti sono utili per la realizzazione dell’evento.

(Federico Mattaliano)

AL PROSSIMO EVENTO DEL GIRO DELLA TOSCANA NEL 2015 !

Foto per gentile concessione dell’autore.